RECENSIONI

Qui e Ora tra psicologia inversa e l'addio alla rucola!

Inviato da Rossella Biagi il Gio, 07/03/2013 - 20:59
Qui e Ora tra psicologia inversa e l'addio alla rucola!

Uno spettacolo sullo scontro-incontro tra due uomini, due vite diametralmente opposte a causa di un incidente in moto, in cui i ruoli finiscono per mischiarsi: dal confronto emergono i tanti vizi e le contraddizioni di una generazione ingabbiata nei suoi stessi vincoli. Tra risate e riflessioni i 70 minuti di questo spettacolo sembrano volare. Merito di una scrittura fluida, estremaente scorrevole, che inserisce al punto giusto gli sketch tra i due protagonisti. Cosa dire poi degli interpreti?

La burning question del rapporto arte-potere: La Torre D'Avorio

Inviato da Sabrina Fasanella il Lun, 11/02/2013 - 16:27
La burning question del rapporto arte-potere: La Torre D'Avorio

"Taking parts" é il titolo originale dello spettacolo di Ronald Harwood arrivato sulle scene del Morlacchi con il più metaforico titolo "La torre d'Avorio", nella traduzione italiana di Masolino D'Amico. Protagonista Luca Zingaretti nelle vesti di una sorta di "commissario" che ben poco ha a che fare con il camilleriano Montalbano. Siamo nella Berlino dell'epoca del processo di Norimberga, dunque al tramonto del delirio nazista: periodo particolarmente critico dal momento che il controllo delle forze alleate vuole epurare la Germania dall'orrore hitleriano.

La forza trascinante della gioventù: The History Boys

Inviato da Sabrina Fasanella il Mar, 22/01/2013 - 19:13
La forza trascinante della gioventù: The History Boys

"Le parole sono mondi". È stato calcolato che in media un discorso standard contiene circa 150-170 parole al minuto. Immaginate ora uno spettacolo della durata di circa tre ore, e fate un po' il calcolo di quanti "mondi" esso possa contenere. Semplice metafora, ma efficace, per introdurre il pluripremiato spettacolo "The History Boys", vera miniera di temi, spunti, citazioni e provocazioni.

Misfits - Quarta Stagione - Recensione

Inviato da Alessandro Cicioni il Mer, 19/12/2012 - 04:40

Misfits.
Molti di voi lo conosceranno/lo guardano/hanno visto almeno 5 minuti su Rai4.
Beh, io ho amato follemente le prime 2 stagioni di quello che era una piccola perla, stagione breve (6-8 episodi), trama avvincente e personaggi divertenti.
Almeno per quanto riguarda le prime due stagione.
La terza, calava un pò la qualità, anche a causa secondo qualcuno della sostituzione di Nathan con Rudy.

La follia del potere, il potere della follia: Re Lear al Morlacchi

Inviato da Sabrina Fasanella il Lun, 17/12/2012 - 00:48
La follia del potere, il potere della follia: Re Lear al Morlacchi

Re Lear di placido incontra l'oggi e gli strizza l'occhio, senza stonature e senza denaturare il testo Shakespeariano, esaltandone l'originale modernità. Una scena aperta, una corona rovesciata, e gli attori che, come fossero in prova, si vestono in scena, assistono dal fondo del palcoscenico aspettando il proprio turno. Nessun fondale nero, nessuna quinta: quasi a rammentare allo spettatore, tramite la presenza non celata del muro bianco di fondo, l'immanenza della storia raccontata.

Vinicio Capossela: una festa rionale per lo spirito

Inviato da Sabrina Fasanella il Mer, 12/12/2012 - 17:05
Vinicio Capossela: una festa rionale per lo spirito

"Una faccia, una razza" dice una canzone dell'ultimo album del cantautore irpino inqualificabile. Lo spettacolo di Vinicio Capossela è molto più di un concerto: è una festa di paese, è poesia e parole in libertà, folk, cappelli e colori, gilet di capra e maschere da Minotauro, baffi finti e spalliere da palestra.

Morte, fede ed ironia: la pulp comedy Occidente Solitario

Inviato da Sabrina Fasanella il Sab, 01/12/2012 - 19:44
Morte, fede ed ironia: la pulp comedy Occidente Solitario

È un teatro giovane a tutti i livelli quello in scena al Morlacchi in questi giorni: giovani gli attori, giovane il regista ma soprattutto giovane il drammaturgo. La compagnia degli Ipocriti (Claudio Santamaria, Filippo Nigro, Massimo De Santis e Azzurra Antonacci), sotto la direzione di Juan Diego Puerta Lopez, ha allestito per la prima volta in Italia il testo di un astro emergente della scrittura teatrale inglese e mondiale: Martin McDonagh, classe 1970, considerato il più grande drammaturgo inglese vivente.

Viaggio esilarante nella "bestialità umana" a bordo del Miniteatrò

Inviato da Sabrina Fasanella il Gio, 29/11/2012 - 19:09
Viaggio esilarante nella "bestialità umana" a bordo del Miniteatrò

A via Cortonese esiste una piccola realtà che contribuisce a promuovere l'attività culturale della città e a dare un palcoscenico anche a chi vuole farsi conoscere ma non può disporre dei grandi spazi tradizionali del capoluogo umbro dedicati al teatro. Parliamo del Teatro dell'Equilibrio, una sala rettangolare che a prima vista sembrerebbe più che altro un auditorium... Ma non appena calano le luci e si apre il sipario si rivela perfetta cassa di risonanza della magia teatrale.

L'esame: perchè la realtà non superi la fantasia

Inviato da Sabrina Fasanella il Mer, 28/11/2012 - 03:15
L'esame: perchè la realtà non superi la fantasia

Una fitta nebbia riempiva le strade di Marsciano mentre andava in scena, giovedì scorso, L'Esame. E l'atmosfera all'interno del teatro Concordia era simile a quella un po' inquietante che la nebbia dona alle strade....
La vicenda de "L'esame" si svolge apparentemente come una qualsiasi vicenda; ma la musica, costante compagna di viaggio, ci tiene sospesi sul filo dell'anormalità. Ciò che è davvero inquietante è il fatto che quest' "anormalità" raccontata da Matheson veste perfettamente i panni del quotidiano, del possibile, del già sentito.
Un padre, un figlio, una nuora.

Pagine

I NOSTRI CONTATTI

 

Compila il form di richiesta

COLLABORAZIONI


 

unipg   unistrapg  Raduni

Associazione Culturale L'Officina ustationPerugia 2019

SEGUICI

glqxz9283 sfy39587stf02 mnesdcuix8
sfy39587stf03
sfy39587stf04