ARTICOLI

Berlusconi - Giudici : 2 a 0.

Inviato da fucsia il Gio, 11/03/2010 - 15:42
Berlusconi - Giudici : 2 a 0.

Nonostante le magliette, ieri il legittimo impedimento è passato anche al Senato. La fiducia ha vinto ancora. Doveva essere una giornata felice, quindi, per il Governo, i cui esponenti però hanno finito per fare a scazzottate in una conferenza stampa. Ma, questa è un'altra storia. Passato l'ennesimo modo per non far sì che Berlusconi finisca in tribunale, i processi sulle sue spalle sono a rischio. Il processo Mills, come era facilmente prognosticabile, andrà in prescrizione, a meno che non intervenga Dio. Sì, a questo punto solo Lui può fare qualcosa.

Premio di laurea "Bruno De Finetti"

Inviato da Radiophonica il Gio, 11/03/2010 - 15:21
Premio di laurea "Bruno De Finetti"

Con i fondi messi a disposizione dalla Signora Renata Errico ved. de Finetti al fine di onorare la memoria dell’illustre scienziato scomparso, l’Accademia Nazionale dei Lincei bandisce un concorso ad un Premio di €5.000 (al lordo dell’imposizione fiscale), destinato a tesi di laurea riguardanti il Calcolo delle Probabilità.
Possono concorrere al Premio cittadini italiani laureati presso una Università italiana che abbiano discusso la loro tesi nel quadriennio immediatamente precedente la data di pubblicazione del presente bando.

Il giallo sul rilascio della moglie di Cicala. Libera oppure no?

Inviato da Rossella Biagi il Gio, 11/03/2010 - 14:16
Il giallo sul rilascio della moglie di Cicala. Libera oppure no?

Dopo l’annuncio di avvenuto rilascio delle due donne ostaggio di Al Qaeda maghrebino nel Mali, Alicia Gamez e Filomena Kabouree, moglie dell'italiano Sergio Cicala, arriva la smentita, almeno parziale. La Kabouree si troverebbe dunque ancora nelle mani dei sequestratori insieme ad altri due membri dell'Ong spagnola. La cooperante catalana, Alicia Gamez, sarebbe invece "sana e salva". Sulla liberazione della moglie di Sergio Cicala la Farnesina ha mantenuto il silenzio stampa, ma la smentita è arrivata dal Governo del Burkina Faso, paese d'origine della donna.

Pinera si insedia in Cile.

Inviato da Rossella Biagi il Gio, 11/03/2010 - 14:12
Pinera si insedia in Cile.

Oggi Sebastian Pinera, il miliardario di destra, subentra a Michelle Bachelet alla Presidenza del Cile. Il subentro all’ex presidente di centrosinistra, si svolgerà però senza festeggiamenti, scelta operata per rispettare le oltre cinquecento vittime del terremoto del 27 febbraio. L’ex presidente Bachelet aveva registrato elevati consensi alla sua gestione di Governo specialmente grazie ad un abile gestione economica che ha permesso di superare la crisi economica del 2009 e limitando i danni della crisi finanziaria.

Il Buddismo non crea problemi alla Cina.

Inviato da Rossella Biagi il Gio, 11/03/2010 - 14:09
Il Buddismo non crea problemi alla Cina.

Il Governo di Pechino si è espresso in modo esplicito sulle relazioni con il Tibet. Vengono negate l’entità egli scontri tra monaci buddisti e autorità di governo. La dichiarazione è stata rilasciata per bocca del Presidente del Tibet, , Padma Choling, in risposta agli appelli continui del Dalai Lama e alle sue dichiarazioni di ieri rese in occasione del cinquantunesimo anniversario della rivolta buddista in Tibet aveva confermato alla stampa che il governo cinese aveva intenzione di affossare il Buddismo. La riposta del Presidente tibetano non si è fatta attendere:"In Tibet si possono vedere monaci e monache dappertutto.

A lezione da Libera Informazione

Inviato da Radiophonica il Gio, 11/03/2010 - 12:30
A lezione da Libera Informazione

di Antonio Maccotta
Atteggiamenti comuni del popolo impegnato nell'antimafia sociale sono schiettezza e grande carico di speranza, caratteristiche che hanno dominato anche durante la lezione del prof. Angelini dove è intervenuto il giornalista Roberto Morrione, presidente di Libera Informazione.
Non sono stati usati infatti mezzi termini nelle osservazioni sulla situazione dell'informazione nelle cinque regioni del nostro meridione direttamente "contaminate" dall’organizzazione illegale delle mafie.

Il legittimo impedimento del Pd ad accettare il legittimo impedimento del Pdl.

Inviato da fucsia il Mar, 09/03/2010 - 21:36
Il legittimo impedimento del Pd ad accettare il legittimo impedimento del Pdl.

In Parlamento, oggi, si è svolta la battaglia contro il legittimo impedimento. Sono stati presentati dall'opposizione, appellativo quanto mai ambiguo in questo Paese, 1700 emendamenti e una maglietta. Una decina di senatrici del Pd, infatti, indossava una t-shirt con la scritta: "Etiam si omnes, ego no", che oltre a mostrare una certa cultura latina che fa sempre la sua bella figura, significa "Anche se tutti, io no". Il motto ricalca quello dei giovani studenti tedeschi della rosa bianca, usato come protesta, durante il nazismo, contro un sistema dittatoriale.

Le Fiamme gialle sequestrano 20kg di hashish

Inviato da martina il Mar, 09/03/2010 - 18:47
Le Fiamme gialle sequestrano 20kg di hashish

Il nucleo della polizia tributaria della Guardia di Finanza di Perugia ha sequestrato, nelle scorse ore, 20kg di hashish destinato a rifornire il mercato di droga del perugino. La droga, suddivisa in 185 panetti, è stata trovata all'interno di una vettura alla periferia della città al cui interno erano presenti due giovani magrebini, tenuti sotto tiro da tempo dalle forze dell'ordine. I due sono stati arrestati e ora si trovano al carcere di Capanne.

Papandreu negli USA. La crisi greca può rallentare la crescita degli Usa.

Inviato da Rossella Biagi il Mar, 09/03/2010 - 14:10
Papandreu negli USA. La crisi greca può rallentare la crescita degli Usa.

Papandreu, il primo ministro greco, si è recato negli USA per verificare l’entità della crisi greca, che potrebbe avere forti ripercussioni sulla crescita degli Stati Uniti, facendo salire il prezzo del dollaro, aumentando le turbolenze sui mercati del credito e rendendo più difficili i prestiti agli Stati. Il presidente americano Obama e il primo ministro greco George Papandreou hanno avuto un incontro strategico, anche se con margini di manovra piuttosto limitati per gli Stati Uniti.

Affluenza circa al 62% in Iraq, Al Maliki in testa secondo le prime indiscrezioni.

Inviato da Rossella Biagi il Mar, 09/03/2010 - 14:02
Affluenza circa al 62% in Iraq, Al Maliki in testa secondo le prime indiscrezioni.

In Iraq: ha votato il 62,4% sui 18 milioni di aventi diritto al voto stando ai dati riportati dalla commissione elettorale, nonostante le urne siano state insanguinate dai numerosi attentati che hanno sconvolto il paese. Particolarmente buoni i dati nelle province sunnite: nonostante le minacce di Al Qaeda, che aveva imposto il coprifuoco a Diyala e Salaheddin, sono andati a votare il 70% degli aventi diritto. La percentuale più alta di votanti, pari all’ 80 % si è registrata nella provincia curda di Duhuk.

Pagine

I NOSTRI CONTATTI

 

Compila il form di richiesta

COLLABORAZIONI


 

unipg   unistrapg  Raduni

Associazione Culturale L'Officina ustationPerugia 2019

SEGUICI

glqxz9283 sfy39587stf02 mnesdcuix8
sfy39587stf03
sfy39587stf04