28 Europhonica Live 30-03-2016

Inviato da Europhonica il Mer, 30/03/2016 - 19:18
Programma: 

 

Ventottesima puntata di EUROPHONICA IT, in cui si parlerà del Belgio, e degli equilibri sociali e politici interni allo Stato che rappresenta il cuore dell'UE all'indomani degli attentati che lo hanno colpito. Si parlerà anche di sicurezza europea: possiamo fidarci di Erdogan o la Turchia rappresenta piuttosto un cavallo di Troia dell'Isis per entrare in UE?

 

 

Mentre esperti dei diversi Paesi, funzionari della Commissione europea e dell'Agenzia europea per la sicurezza aerea (Easa) e altre autorità europee si sono trovati per discutere dell'introduzione di controlli e di un perimetro di sicurezza all'ingresso degli aeroporti, l’accordo UE- Turchia non sembrerebbe dare i frutti sperati.

 

Nella sola Lesbos (Grecia) sarebbero sbarcati solo nella giornata del 30 marzo in 200, ma una situazione di analoga criticità avverrebbe nei porti italiani, dove in meno di una settimana sono stati soccorsi 3500 naufraghi. Questa intesa tra l’UE e il governo di Ankara è entrata in vigore il 20 marzo e prevede che chi arriverà in Grecia sarà “spedito” in Turchia, dopo l'identificazione e la richiesta di asilo politico. I primi rimpatri forzati sono previsti a partire da lunedi 4 aprile.

 

Tra i temi trattati anche i rapporti tra Italia ed Egitto e un approfondimento sui rapporti Turchia -UE con un'intervista ad Alessia Chiriatti (corrispondente per gli esteri del Fatto Quotidiano).

 

Altro tema trattato in puntata è stato quello che recentemente ha cominciato a riaccendere l'opinione pubblica internazionale: il genocidio di Srebrenica e la condanna a 40 anni per crimini di guerra dell'ex presidente serbo-bosniaco Radovan Karadzic.

 

«Vent’anni fa, nel 1995, si scrisse l’ultima atroce pagina del ‘900. A Srebrenica, nell’ex Jugoslavia, oltre ottomila uomini musulmani bosniaci furono massacrati su ordine del comandante serbo Mladic. L’opinione pubblica allora fu disattenta, oggi in molti faticano a ricordare dov’erano quell’11 luglio». Così riportava il Corriere della Sera dell'11 luglio 2015

 

 

E l'Europa come ha reagito? Emma Bonino, all'epoca neo-eletta Commissario Ue per gli Aiuti Umanitari, ha recentemente raccontato al quotidiano La Stampa di aver inviato un rapporto a Bruxelles per denunciare le sparizioni e di aver pubblicamente esortato i Paesi UE ad agire. Il rapporto però è seguito dalla più totale indifferenza. Solo dopo anni e la nascita di un tribunale ad hoc per i crimini di guerra nella ex Jugoslavia si cominica ad indagare su cosa fosse realmente successo.

 

Tra gli altri temi trattati anche il TTIP (l'UE si dice pronta a difendere 42 eccellenze italiane) e l'uscita della Danimarca dall'UE.

 

 

CONTENUTI:

 

 

 

1 – FOCUS SU: vertice straordinario dei Premier UE (S. Fasanella)

 

2 – FOCUS SU: Belgio: uno Stato al collasso? Analisi degli equilibri sociali e politici interni dello stato nel cuore dell'UE (F.Catania)

 

3 – FOCUS SU: istituzioni europee e media internazionali: il caso di Lady PESC (A.Megalizzi)

 

4 – FOCUS SU: relazioni Italia-Egitto: implicazioni del caso Regeni (B.Dusi)

 

5 – INTERVISTA A: PhD Alessia Chiriatti, esperta Turchia del Fatto Quotidiano, su rapporti Turchia – UE (A.Fioravanti)

 

6 – FOCUS SU: ruolo dell'UE nel genocidio di Srebrenica (A.Masoni)

 

7 – FOCUS SU: pronuncia avvocato della Corte di Giustizia dell'Ue su download illegale di musica tramite wifi di esercizi commerciali

 

8 – FOCUS SU: TTIP: a che punto sono I negoziati? (S.Penge)

 

9 – FOCUS SU: possibile uscita della Danimarca dall'UE (L.Pelucca)

 

10 – EU SKILLS: bandi, stage e occasioni formative in EU (C.Moser)

 

I NOSTRI CONTATTI

 

Compila il form di richiesta

COLLABORAZIONI


 

unipg   unistrapg  Raduni

Associazione Culturale L'Officina ustationPerugia 2019

SEGUICI

glqxz9283 sfy39587stf02 mnesdcuix8
sfy39587stf03
sfy39587stf04