ARTICOLI

Solo, sei rimasto solo. Scajola pensa alle dimissioni.

Inviato da fucsia il Mar, 04/05/2010 - 13:43
Solo, sei rimasto solo. Scajola pensa alle dimissioni.

Scajola è pronto alla dimissioni. Dopo la solita scenetta dell'inchiesta e della richiesta di dimissioni da parte dell'opposizione e il tentativo della maggioranza di rendere le cose meno gravi di quanto siano, le cose hanno preso una svolta nuova. Ora, a chiedere le dimissioni sono anche gli alleati del Ministro per lo Sviluppo Economico, che, vorrei ricordare, è con un portafoglio non indifferente.

Università di Perugia: vincono un concorso ma non riescono a lavorare

Inviato da martina il Lun, 03/05/2010 - 17:06
Università di Perugia: vincono un concorso ma non riescono a lavorare

Sembra quasi una barzelletta la storia di alcuni giovani laureati che speravano in un contratto come ricercatori a tempo determinato all’università di Perugia. Purtroppo però è la triste realtà. È la storia di 9 giovani che un anno fa hanno sostenuto e superato un concorso per entrare a lavorare all’università, ma che poi, non si sa come, di quel posto tanto sognato non ne hanno più saputo nulla.

Perugia: due espulsi per terrorismo internazionale

Inviato da martina il Lun, 03/05/2010 - 17:01
Perugia: due espulsi per terrorismo internazionale

La Digos di Perugia ha messo su un volo diretto in Marocco due giovani di 22 e 27 anni, rimpatriati con l’accusa di terrorismo internazionale lo scorso 30 aprile. L’ordine di espatrio è arrivato dal ministro dell’Interno Roberto Maroni; i due studiavano all’università di Perugia e risiedevano presso la casa dello studente dell’Adisu, la cui collaborazione è stata essenziale per portare a termine l’indagine della polizia. Nelle stanze dei due marocchini, Mohamed Hlal e Ahmed Errahmouni, è stato trovato vario materiale cartaceo, si va da mappe di città, foto di monumenti italiani e anche materiale informatico.

Marea nera: impatto sulle coste della Louisiana.

Inviato da Rossella Biagi il Lun, 03/05/2010 - 13:44
Marea nera: impatto sulle coste della Louisiana.

E' stata ribattezzata: “marea nera” la chiazza di greggio che si sta dirigendo verso il delta del fiume Mississippi. Per gli abitanti della zona, in gran parte pescatori, il disastro ambientale rappresenta anche lo spettro di poter andare in bancarotta totale. Impossibile pescare, impossibile immettere sul mercato prodotti ittici che sopravvivranno all’impatto della marea. Infatti, nella speranza di sciogliere il greggio, sono stati riversate nelle acque costiere migliaia di litri di solventi chimici.

Troppo lunghi i tempi per scavare un nuovo pozzo in prossimità della Louisiana.

Inviato da Rossella Biagi il Lun, 03/05/2010 - 13:40
Troppo lunghi i tempi per scavare un nuovo pozzo in prossimità della Louisiana.

Stando a quanto affermato dal Ministro degli Interni degli Stati Uniti, Ken Salazar, per la realizzazione di un nuovo pozzo petrolifero, accanto a quello della Deepwater Horizon, potrebbero essere necessari addirittura tre mesi. Questi i tempi tecnici per la trivellazione del fondale in posizione adiacente a quello che attualmente sta riversando oltre 5000 barili di greggio al giorno nel Golfo del Messico. La piattaforma della British Petroleum era affondata, in seguito ad un’esplosione, il 22 aprile.

In vista di un accordo per gli aiuti greci: in cambio lacrime e sangue.

Inviato da Rossella Biagi il Lun, 03/05/2010 - 13:37
In vista di un accordo per gli aiuti greci: in cambio lacrime e sangue.

E’ stato finalmente raggiunto l’accordo tra Unione europea, Fondo monetario internazionale e la Banca centrale europea: si prevede lo stanziamento di aiuti per un tetto massimo di centoventi miliardi in tre anni. Ma la contropartita in cambio degli aiuti è stata durissima: saranno infatti bloccati per ben tre anni gli emolumenti dei lavoratori pubblici. Ma non saranno questi gli unici sacrifici che dovrà sopportare la Grecia. Il Presidente del Consiglio greco, Papandreou, ha infatti affermato che l'intesa è stata raggiunta ma solo al prezzo di grandi sacrifici per il paese.

Obiezione di coscienza dei farmacisti: quali diritti?

Inviato da Rossella Biagi il Lun, 03/05/2010 - 13:33
Obiezione di coscienza dei farmacisti: quali diritti?

Presentato la settimana scorsa il Disegno di legge che dovrebbe dettare le disposizioni in materia di obiezione di coscienza dei farmacisti nell’ambito di quei farmaci che rientrano nella categoria della contraccezione di emergenza: a presentarlo nell’aula del Palazzo Madama, la senatrice del Pdl Ada Spadoni Urbani. Il senso è che i farmacisti non possono sentirsi obbligati ad agire contro coscienza. L'obiezione di coscienza secondo la Urbani “deve essere ritenuta un diritto fondamentale e un'esigenza del bene comune” esempio di una società giusta e democratica.

Polemiche in vista dell’anniversario dell’Unità di Italia.

Inviato da Rossella Biagi il Lun, 03/05/2010 - 13:23
Polemiche in vista dell’anniversario dell’Unità di Italia.

Fini parlando della Lega aveva posto un problema serio, se ne sono accorti molti esponenti del PDL, lo stesso La Russa ha infatti apertamente criticato le uscite di Calderoli sull’unità d’Italia. Il viceministro allo Sviluppo Economico, Adolfo Urso, cerca di abbassare i toni della polemica sorta dalle dichiarazioni di Calderoli che ha affermato che per l’anniversario dell’Unità d’Italia la Lega potrebbe svolgere una manifestazione a Genova. Ma innegabilmente le affermazioni alimentano le divisioni interne alla coalizione di Governo: particolarmente diffidenti i finiani.

Pagine

I NOSTRI CONTATTI

 

Compila il form di richiesta

COLLABORAZIONI


 

unipg   unistrapg  Raduni

Associazione Culturale L'Officina ustationPerugia 2019

SEGUICI

glqxz9283 sfy39587stf02 mnesdcuix8
sfy39587stf03
sfy39587stf04